Condizioni di vendita: la vendita dei prodotti è destinata a soddisfare l'uso familiare dei consumatori, eventuali limitazioni quantitative saranno comunicate sul sito. I prezzi e indicazioni di vendita riportati nelle relative pagine web sono valide per i quantitativi complessivamente disponibili e sono ad esaurimento scorte. Fotografie e descrizioni hanno valore illustrativo e/o scopo informativo. Prezzi ed immagini potrebbero subire modifiche dovute ad errori di battitura o a variazioni di legge anche fiscale. La presente dicitura viene redatta in base alle normative vigenti.

Le erbe aromatiche e le spezie nell’uso della cucina hanno origini antichissime. Nei secoli passati, il sale da cucina era considerata una merce preziosa e quindi non alla portata di tutti. Le erbe aromatiche e le spezie quindi avevano un grande ruolo nella cucina per migliorare le ricette, aromatizzandole, colorandole e, soprattutto, esaltandone i sapori.

Spesso questi due ingredienti sono accomunati e confusi fra loro, ma nonostante la loro funzione, sono ben distinti.
Con il termine “erbe aromatiche” (aromi oppure “odori”) si fa riferimento a erbe o verdure (foglie e steli) che possono sia essere coltivati che trovati allo stato selvatico. Tipici esempi di erbe aromatiche sono l’alloro, il basilico, la menta, l’origano, il rosmarino, ecc.

Le erbe aromatiche oltre ad emanare degli aromi gradevoli, apportano numerosi principi nutritivi, vitamine e minerali che sono utili nella digestione.

Con il termine “spezie”, si indicano invece dei prodotti secchi ricavati da parti diverse delle piante (corteccia, stimmi, semi ecc.). Tra le più conosciute troviamo il pepe, il finoscchio selvatico, la cannella, la curcuma, lo zenzero, il sesamo.

Le spezie hanno tante proprietà benefiche e oltre ad arricchire i sapori del cibo offrono validi aiuti naturali alla digestione, all’equilibrio intestinale, e possiedono numerose proprietà antiossidanti.

TUTTI I PRODOTTI

Visualizzazione di tutti i 10 risultati